counselor

Sportello d’ascolto sessuologico

Postato il Aggiornato il

Premessa:
Lo sportello d’ascolto sessuologico è nato dal progetto “Sportello di ascolto psicologico e sessuologico: educare all’affettività e sviluppare il territorio” che ha vinto il Bando della Regione Lazio “Torno Subito” in collaborazione con Sipea Onlus.
Grazie a questo progetto, si potranno portare gratuitamente ai cittadini che frequentano il territorio romano numerose iniziative volte ad educare il territorio al benessere sessuale affrontando tematiche quali l’omofobia, le malattie a trasmissione sessuale, i disturbi sessuali ed altro.
Si svolgeranno quindi corsi e seminari [il 30 settembre ne è previsto uno, clicca qui] oltre alle consulenze dello sportello d’ascolto sessuologico.

SPORTELLO D’ ASCOLTO SESSUOLOGICO 

Presentazione: 
Lo sportello d’ascolto è uno spazio di informazione, di ascolto e di riflessione, nel quale esplorare difficoltà relative a problematiche sessuali, emotive e relazionali per l’individuo e per la coppia.
Si lavora in un’ottica di approccio integrato, è quindi possibile suggerire all’utente di consultare andrologi o ginecologi di riferimento in un’ottica di salute sessuale bio-psico-sociale.
A conclusione del breve percorso cosulenziale, all’interno di un percorso di consapevolezza, ascolto ed empatia, si potrà eventualmente indirizzare l’utente ad uno psicologo o uno psicoterapeuta qualora ci sia la necessità di un percorso più approfondito.

Alcuni dei temi della consulenza sessuologica:
– Educazione sessuale: come parlare ai figli di sessualità, malattie a trasmissione sessuale, sesso sicuro, consapevolezza, ecc…
– Orientamento sessuale, stereotipi e pregiudizi, omofobia
– Difficoltà sessuali: disturbi del desiderio, disturbi dell’orgasmo, disturbi dell’erezione, disturbi da dolore sessuale (vaginismo, dispareunia)
– Feticismo e distress sessuale

Come prenotare una consulenza presso lo Sportello d’ascolto sessuologico:
E’ necessario mandare una mail a info@sipea.eu con i propri dati anagrafici, recapiti telefonici e motivazione della richiesta per la quale ci si rivolge allo sportello.
Si verrà ricontattati telefonicamente per fissare un appuntamento presso SIPEA Onlus (Via degli Etruschi 5/A – Roma) o per un contatto esclusivamente conoscitivo tramite Skype.

Costi:
Lo sportello d’ascolto sessuologico è completamente gratuito poiché finanziato dalla Regione Lazio mediante il Bando “Torno Subito”, tuttavia, per fini di ricerca l’utente si impegna a compilare alcuni questionari utili per la realizzazione dello sportello.

Destinatari:
Gli utenti che desiderano una consulenza devono essere uomini o donne maggiorenni che presentando una difficoltà sessuologica o persone che desiderano avere informazioni riguardanti l’educazione sessuale, l’orientamento, le malattie a trasmissione sessuale, ecc…

Contattaci!

Questo periodo di consulenze gratuite ha durata limitata quindi se tu o qualche tuo conoscente vivete a Roma ed avete necessità di una consulenza sessuologica contattateci al più presto:

Mail: info@sipea.eu con oggetto “sportello sessuologico”

Numero di telefono: 064465977 Sipea Onlus – Referente dott.ssa Autore

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividi su facebook la notizia attraverso il pulsante sottostante e clicca mi piace alla pagina facebook Consulente in Sessuologia 

COPYRIGHTS Tutti i diritti sul testo e sulle immagini sono riservati e di proprietà dell’autore.

Scritto da Roberta Autore

Annunci

Workshop la paziente in menopausa: com’è andata?

Postato il Aggiornato il

Il 13 dicembre sono intervenuta come relatrice in un piccolissimo convegno della Shedir Pharma. Un breve workshop per focalizzare l’attenzione dei Medici di Medicina Generale (MMG) sulle problematiche psicologiche e sessuologiche della paziente in menopausa.

Questo lavoro è stato da me pensato dopo l’evento di ottobre della Settimana del Benessere Sessuale nel quale, fra le altre iniziative, c’è stato un bellissimo incontro fra donne, insieme a Francesca de La Valigia Rossa  dal titolo “Menopausa e Sessualità: fine dei giochi?“. In quell’occasione abbiamo informato e ci siamo confrontate con le donne che attualmente vivono in menopausa sulle possibili criticità e sulle risorse di questo periodo della vita femminile.

Tuttavia mancava ancora qualcosa, era necessario coinvolgere i Medici di medicina generale in questo.

Infatti mentre in Danimarca il 72% delle donne chiede al proprio medico consigli ed informazioni sulla menopausa (Hvas, Mauritas, 2003) in Italia solo il 22% si rivolge al medico (ISC) per avere le dovute informazioni riguardanti la propria salute sessuale.

Il rischio è grande, infatti da un indagine ISISAN del 2008, risulta che il 50% delle donne sono non solo poco informate ma completamente disinformate sulla menopausa.

E’ stata quindi una splendida occasione per me di parlare ad alcuni medici del territorio napoletano delle tecniche per migliorare la comunicazione con la paziente in menopausa, affrontare quindi a livello empatico le difficoltà ed i timori che possono riscontrare le donne in questa fase di cambiamento ed incoraggiare lo sviluppo di risorse adeguate a ritrovare un nuovo equilibrio.

Come sempre poi c’è stata una splendida cena che mi ha fatto davvero apprezzare l’umanità, l’interesse e la cultura dei MMG che hanno partecipato al workshop.

Ringrazio quindi ancora la Shedir Pharma e spero ci siano presto ulteriori occasioni di informazione e confronto!

Fonti:

  • Critelli C, www. sessuologiaclinicaroma. it/menopausa-e-sessualita
  • Hvas, Maturitas, (2003), Discussing Menopause in General Practice
  • ISTISAN, (2008), Menopausa e Terapia Ormonale: indagine su conoscenza, atteggiamenti e comportamenti

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividi su facebook la notizia attraverso il pulsante sottostante e clicca mi piace alla pagina facebook Consulente in Sessuologia. Grazie!

COPYRIGHTS Tutti i diritti sul testo e sulle immagini sono riservati e di proprietà dell’autore.

Scritto da Roberta Autore

 

 

Scappatella con l’Ex: pro e contro

Postato il Aggiornato il

Ormai la storia d’amore è finita da tempo, da mesi non ci si vede, si sta dimenticando tutto il dolore della fine della relazione d’amore e si comincia ad uscire con altre persone.

Poi un giorno si rivede l’ex, si pensa a quanto sia sexy, a come era bello il sesso insieme e basta una notte di debolezza ed ecco che si ricomincia a fare sesso.

Sono ormai tanti gli uomini e le donne che dopo aver concluso una relazione d’amore ricominciano a fare sesso con il proprio ex. Secondo l’articolo della giornalista Kristen Houghton sono varie le ragioni di questo comportamento:

  • Il sesso strepitoso è il punto principale: l’ex conosce tutte le vostre fantasie, le più intime zone erogene e l’affiatamento tra voi era l’unica cosa perfetta.
  • Illusione di sesso sicuro: sembra che molte persone ritengano che fare sesso con il proprio ex protegga automaticamente dalle malattie a trasmissione sessuale. Ma in realtà non c’è nulla di più sbagliato. Conoscere bene il proprio partner, infatti, non protegge in alcun modo dalle MTS.
  • Scappatella: il brivido di incontrarsi di nascosto, non raccontare a nessuno chi è il “partner misterioso”, darsi appuntamenti fuori mano e incontrarsi in auto e nei parcheggi. Questo è il fascino di una relazione clandestina, che spesso rende il sesso ancora più eccitante.
  • Vendetta: Come non ripagare la donna o l’uomo che vi ha rubato il partner con la stessa moneta? Chi rinuncerebbe a una simile piccante vendetta. Essere tu l’altro uomo o l’altra donna sembra non avere prezzo per le persone che sono state tradite.

Queste sembrano essere le ragioni che spingono fra le braccia del proprio ex. Ma quali i pro e quali i contro? 

Parlarne con un  consulente sessuale può aiutare a stilare la tua personale lista di vantaggi e svantaggi.

In linea generale, probabilmente dell’ottimo sesso può essere una ragione valida per una scappatella con l’ex, ma spesso in questo modo si finisce con il vivere le medesime situazioni del passato senza mettersi in gioco con un nuovo compagno. Fare del sesso occasionale con l’ex può far aumentare l’autostima, può essere una rivalsa per la conclusione non voluta di una grande storia d’amore ma non permette di tenere le giuste distanze che aiutano ad elaborare il “lutto amoroso”, il periodo di sofferenza dopo la fine di un’importante storia d’amore.

Quindi dell’ottimo sesso, una piccante vendetta possono essere la soluzione momentanea, ma di certo non è bene che diventi una situazione duratura.

1898128 (1)

Le immagini sono tratte dal web e proprietà dei relativi autori. 

COPYRIGHTS Tutti i diritti sul testo sono riservati e proprietà dell’autore.

 

Scritto da Roberta Autore

Chi è il Consulente in Sessuologia?

Postato il Aggiornato il

Il consulente in sessuologia è un professionista formato che si occupa di disagi in ambito sessuale, sia in relazione al singolo che alla coppia.

Attualmente io sono psicologa e consulente in sessuologia quindi posso occuparmi anche di terapia sessuale, per saperne di più leggi questo articolo: Terapia sessuale

Per quel che concerne solamente la consulenza sessuale ecco quanto è necessario sapere

La formazione: Il consulente ha acquisito in campo sanitario, nella maggior parte dei casi in medicina o psicologia, una laurea di primo livello e successivamente si è diplomato, dopo la discussione di una tesi e un esame finale, in una scuola di formazione della durata di due anni. Infine il Consulente in Sessuologia è iscritto all’albo della FISS (Federazione Italiana Sessuologia Scientifica) consultabile cliccando qui.

Di cosa si occupa: Il consulente offre uno spazio di informazione, di ascolto e di riflessione, nel quale esplorare difficoltà relative a problematiche sessuali, inquadrando la domanda del cliente grazie ad una serie di colloqui. In questa fase, dalla durata variabile, ci saranno eventualmente una serie di accertamenti medici, presso professionisti secondo il modello dell’approccio integrato. A conclusione del percorso il consulente, confrontandosi con il cliente all’interno del suo percorso di consapevolezza, potrà eventualmente indirizzare quest’ultimo ad uno psicologo o uno psicoterapeuta qualora ci sia la necessità di un percorso più approfondito.

Consulenza presso organizzazioni o scuole: Il consulente di sessuologia può anche essere chiamato da organizzazioni e scuole offrendo un progetto di educazione o informazione sessuale. Solitamente l’approccio utilizzato prevede l’ausilio di altre figure professionali (come medici e psicologi) e che integra una consapevolezza emotiva-affettiva con le informazioni relative alla sessualità.

Quanto costa: Non esiste un tariffario fisso del consulente solitamente varia in base al professionista e alla sua formazione. Anche il tipo di prestazione influenza il costo di ogni consulenza.

Dove trovarlo: Per rivolgersi ad un consulente in sessuologia conviene cercare all’interno dell’ albo della Federazione Italiana Sessuologia Scientifica (FISS) consultabile qui